NELLA STORIA - Sa pintadera V9

Vai ai contenuti

Menu principale:

NELLA STORIA

PINTADERA
 
 
 
 
 
 

TRA ANTICO & MODERNO

Sa pintadera, da tutti considerata fino a poco tempo fa un semplice antico marchio, usato per imprimere sul pane il simbolo del casato a cui era destinato tale alimento, era fatto in terracotta e aveva la forma di un cerchio con decorazioni a foma di stella, nonchè fiore della vita soprattutto per il suo sacro utilizzo (visto che in quei tempi il pane era un bene prezioso quanto l'acqua).

Non si conosce esattamente il momento della sua nascita, ma di certo il suo utilizzo piu considerevole avvenne proprio nell'età feudale e medievale.
Oggi gli studiosi, dopo attenti esami, ne cominciano a trovare il senso mistico oltre che pratico e così ne viene fuori un'attenta considerazione.

Navigando per la rete ci si può imbattere in molte varianti della teoria. Un po' come accade per la bandiera simbolo sardo dei 4 Mori anche per Sa Pintadera il percorso è il medesimo e costellato da intrecci di popoli e periodi.

Si può rivalutare il concetto del "marchio per il pane" spiegando che attraverso i moderni studi sui ritrovamenti archeologici si può dedurre che i più antichi simboli avevano uno scopo differente dal cugino moderno.
La loro nascita si ipotizza fosse legata alla necessità di calcolare. Si parla dunque di possibili "Calendari nuragici" i cui scopi pratici chiaramente sono ancora da chiarire. Varie sono le versioni ritrovate come varie sono le zone del globo in cui sono state ritrovate simili pintadere. Possiamo dire che in Sardegna l'uso della Pintadera, i nuraghe e molti altri munumenti e costruzioni antiche fanno pensare ad un uso studiato. Il tempo e il calcolo non erano un elemento sconosciuto all'antico popolo sardo e tutte le nuove ipotesi e studi a riguardo continuano a confermare questo.

 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu